Andare

La verità è che non c’è nessuno che vi potrà dire come viaggiare, cosa preferire o come approcciare un viaggio per farlo diventare quello dei vostri sogni, quello che non dimenticherete mai. In questo spazio lascio le mie esperienze, i miei mini weekend di corsa tra un gate e l’altro, i viaggi quelli che invece mi sono serviti a crescere e quelli che avrei evitato.

Per quanto grande fan dei viaggi in aereo sin dalla prima adolescenza, ho iniziato la mia carriera da viaggiatrice quando mi sono trasferita a Lisbona, in Portogallo, nel lontano 2015. Questa è stata una delle mie prime vere e proprie avventure in Europa.

Sono tornata a Torino, dove attualmente vivo, e ho iniziato a fantasticare su fin dove mi sarei potuta spingere. Un po’ di fortuna e un po’ di coraggio dopo sono partita per Sydney, Australia. Da li iniziano tutte le mie avventure in Oceania.

Vivere in Australia mi ha dato la possibilità di raggiungere facilmente quelle mete che avrei potuto accarezzare solo su un mappamondo. Ho visto balene saltare nell’oceano, delfini seguire la corrente oceanica e piccoli coralli muoversi nella barriera corallina. Ho deciso che avrei voluto nuotare con una tartaruga marina: sono volata a Bali, inaugurando la mia prima volta in Asia.

Ultima sul mio curriculum da viaggiatrice, l’America. Volo a New York solo recentemente: da qui decido che avrei dovuto scrivere, per tutti ma soprattutto per me, per ricordarmi sempre anche dopo tanto tempo, quell’effetto di vertigine che riesce a darti solo un decollo unito ad un bicchiere di terribile bianco che solo l’economy può riuscire a darti.

Annunci